Sbiancamento dentale

Sbiancamento dentale

24 Gen 2020

Il sorriso , insieme ad un’armonia gengivale e dentale , rappresenta una importante forma di comunicazione e relazione sociale . Lo sbiancamento dei denti è tra gli attuali progressi dell’odontoiatria cosmetica . Varie metodiche si interfacciano a questo scopo per portare il sorriso alla normale luminosità o per esaltare e accentuare il bianco dei denti . Lo smalto dei denti può subire variazioni di colore , assorbendo la pigmentazione di particolari cibi o bevande , oppure a causa dell’abitudine del fumo , mentre la dentina , parte interna del dente , che la naturale translucenza dello smalto rende visibile , con il trascorrere del tempo e la progressiva retrazione pulpare tende ad ispessirsi , rendendo il dente più scuro e meno brillante . Il colore dei denti rappresenta  uno dei criteri estetici fondamentali ed è per questo motivo che l’interesse per lo sbiancamento è in continua crescita . Il colore dei denti è personale , un po’ come il colore della pelle , ognuno ha il suo .

Al contrario di quanto si possa pensare non è lo smalto che determina il colore dei denti , esso infatti è traslucido e dalla sua superficie traspare il colore della dentina sottostante.  Con il passare degli anni , fisiologicamente , i denti tendono a scurirsi e perdono la loro brillantezza . Ma oggi , grazie ai progressi dell’odontoiatria cosmetica , è possibile riportare il colore dei denti al bianco naturale fino ad arrivare ad ottenere un bianco “ innaturale “ . Ogni paziente può scegliere l’intensità della decolorazione da raggiungere , cosi come ogni individuo può scegliere  il grado di abbronzatura della propria pelle . Infatti , le tecniche ambulatoriali di sbiancamento , consentono a ciascun paziente di scegliere l’intensità del risultato , il quale , a sua volta , è condizionato dalla concentrazione del principio attivo utilizzato e dalla durata del trattamento ( tempo di permanenza della soluzione a contatto con i denti)  . Lo sbiancamento dentale professionale si ottiene con l’applicazione di un gel contenente perossido di idrogeno ( ed altre sostanze ) che viene appoggiato sulla superficie del dente senza minimamente intaccarla . E’ possibile inoltre operare trattamenti di sbiancamento su singoli denti : si tratta solitamente di denti devitalizzati i quali hanno subito una alterazione di colore ( denti scuri ) a causa della presenza di materiali di otturazione ( cemento canalare e guttaperca ) nei tubuli dentinali .

In questi casi , il trattamento superficiale di sbiancamento dello smalto risulta inefficace : occorre invece aprire la camera pulpare del dente e detergerla con perossido , allo scopo di decolorare lo strato interno del dente . Per raggiungere l’obbiettivo di avere dei denti bianchissimi esistono tecniche professionali e metodi “ fai da te “ . Scegliere tecniche professionali mette al riparo il paziente da spiacevoli effetti indesiderati ( sensibilità termica , irritazione gengivale ) . Il vantaggio del” fai da te “ è il costo , ovviamente più basso , ma con effetti cromatici più bassi  in quanto i potenti prodotti utilizzati negli studi odontoiatrici , possono essere manipolati solo da personale sanitario qualificato che ha specifiche conoscenze ed esperienze . Lo sbiancamento professionale può essere : domiciliare o alla poltrona . Entrambe le metodiche prevedono , dopo una accurata visita , che valuta indicazioni e controindicazioni , una preventiva igiene orale  e successivamente la metodica più idonea per ogni singolo paziente . Lo SBIANCAMENTO DOMICILIARE  consiste nel preparare , previa impronta delle arcate dentarie , una sottile e personalizzata mascherina in silicone , all’interno della quale , il paziente posiziona il gel sbiancante fornito dall’odontoiatra o dall’igienista dentale ( perossido di idrogeno o perossido di carbammide ) . Questa mascherina , di solito , viene inserita sull’arcata dentale , di notte , durante il sonno per 7/10 giorni a seconda del grado di variazione di colore da raggiungere .

Lo SBIANCAMENTO ALLA POLTRONA invece prevede l’utilizzo del gel direttamente posizionato sui denti , previo isolamento dei tessuti molli con diga liquida , e applicazione della lampada sbiancante ( fascio stretto di luce blu fredda ad alta intensità che attiva il gel ) per la durata di 30 minuti circa . Si può ripetere la procedura in studio due volte , oppure associare al trattamento alla poltrona il trattamento domiciliare . I rischi di un trattamento professionale sbiancante sono praticamente nulli se i gel vengono manipolati con esperienza ed i risultati sono esteticamente molto gratificanti per il paziente.

Le Ultime News

I fillers nell’estetica del sorriso
11 Feb 2020

Le labbra sono una componente essenziale della simmetria ed estetica facciale e sempre più donne richiedono un aumento di volume […]

Riaddrizziamo i denti
29 Gen 2020

Avere denti dritti e ben allineati non è solo una esigenza estetica , ma anche e soprattutto avere una bocca […]

Quando il dente è sensibile
29 Gen 2020

L’ipersensibilità dentale è una delle patologie odontoiatriche più diffuse .  L’ipersensibilità si manifesta con la percezione di fastidio e/o dolore […]

Open chat
Hai bisogno di aiuto?
Powered by